Woodstock 50 anni fa…

Woodstock 50 tra passato e presente: tra gli ospiti Santana, Ringo Starr e Miley Cyrus

Un insieme di vecchio e nuovo, di reduci della prima edizione e di volti familiari per le giovani generazioni. Il cast della nuova edizione del festival di Woodstock, organizzata da Michael Lang (lo stesso promoter dello storico evento del 1969) in occasione del cinquantesimo anniversario del festival è stato finalmente annunciato dopo alcuni mesi di indiscrezioni: sul palco che dal 16 al 18 agosto verrà allestito a Watkins Glen, a poca distanza dalla fattoria a Bethel che ospitò il leggendario raduno, si alterneranno una quarantina di artisti appartenenti a diverse generazioni. A fianco di leggende del rock, pop e folk come Ringo Starr, Arlo Guthrie, Robert Plant, David Crosby, John Sebastian e Santana, ci saranno anche idoli della hip hop e R&B come Jay-Z, Chance the Rapper, Common, popstar  come Miley Cyrus e Imagine Dragons e artisti popolarissimi nel mondo indie rock come The Black Keys, The Killers, The Raconteurs e Greta Van Fleet.

I biglietti saranno in vendita dal 22 aprile. Tutti coloro che non riusciranno a trovare i biglietti potranno comunque assistere agli show di Arlo Guthrie, Ringo e Santana che saliranno sul palco, la struttura creata sul terreno della fattoria di Max Yasgur dove si tenne la prima prima edizione del festival. La nuova edizione per il cinquantesimo anniversario è organizzata da Michael Lang, uno dei creatori del concerto del secolo (scorso) che dieci anni fa, per mancanza di fondi, aveva dovuto rinunciare all’edizione del quarantesimo anniversario. “Torneremo alle nostre radici e all’intento originario e stavolta avremo il controllo su tutto”, ha spiegato il promoter, alludendo alle’edizione del 1999 che si rivelò un disastro. “Sarà l’antitesi di vent’anni fa”, ha promesso Lang, con molti artisti che salirono sul palco nel 1969 come  Santana, John Fogerty, John Sebastian e Country Joe McDonald, ma anche nomi contemporanei che interpreteranno pezzi dei grandi del passato: in programma ci sono omaggi a Janis Joplin, The Band, Jefferson Airplane e Joe Cocker. “Voglio che sia un evento multigenerazionale”, ha dichiarato Lang.

Lo stesso organizzatore ha sottolineato come l’evento rappresenti un’occasione per dimostrare che “è possibile vivere in armonia e compassione per dare speranza a tutti i popoli del mondo”: tra i temi del festival la protezione dell’ambiente, la fine della violenza delle armi e una giustizia più giusta.

Fonte: www.repubblica.it